giovedì 30 ottobre 2014

Oggi cucino cucino io: Halloween cupcakes

Assieme ad alcune mamme abbiamo organizzato una piccola festicciola a tema Halloween.
Per l'occasione ho preparato questi cupcake.
Nella ricetta ho dimenticato di scrivere che nella crema, per colorarla, dobbiamo mettere del colorante alimentare... pardon!!!!
Bando alle ciance e diamo il via alla piccola carrellata di foto che spero possano esservi d'ispirazione.


Questi cupcake, invece, sono dei preparati confezionati, acquistati  ai Lidl
Diciamo che il cupcake in sè è buono, mentre la crema lascia un pò a desiderare
La base è al cioccolato, la crema al gusto di bigbabol.
Sempre ai Lidl ho trovato anche gli zuccherini decorativi.



Infine il bellissimo cupcake che Valeria ha fatto a scuola assieme alla maestra d'inglese
Non trovate che sia geniale e carinissimo?


Stay tuned!
Laura

mercoledì 29 ottobre 2014

Hand made kids diy: halloween mode

Forse se non avessi avuto le due piccole iene, non avrei mai addobbato la mia casa in Halloween style.
Quando Giorgia era piccola, non era ancora molto sentita.
Ma i tempi cambiano, noi cambiamo, alcune tradizioni si acquistano, fatto sta che per noi è meglio festeggiarle tutte.
Domenica pomeriggio, le bimbe ed io abbiamo iniziato ad addobbare la casa "in modo spaventoso" come dice Beatrice.



Abbiamo così reso "spaventosa" l'entrata....
grazie ai neri pipistrelli ed a Whisky il ragnetto (chi ha i bambini all'asilo di sicuro lo conosce), che non è altro che quella cosetta nera che pende nel ramo sul vaso.





Con la velina arancione e nera abbiamo realizzato questo ponpon

Vi confesso che ci piace tanto, ma soprattutto ci siamo divertite a fare tutto assieme.



Halloween DIY
Per realizzare alcuni di questi semplicissimi addobbi 
vi serviranno:

- bimbi che hanno voglia di divertirsi con voi
-cartoncino nero
-cartoncino arancione
-forbici
-pennarelli
-sagome per i pipistrelli e la zucca (le trovate su google immagini)
- fogli bianchi
-spago grezzo
-colla a caldo
- raffia
REALIZZAZIONE

1) Progetto di Valeria
Fantasmi
Su di un foglio bianco disegnate tre fantasmi spaventosissimi.
Ritagliate le sagome con una forbice dalle punte arrotondate
Dite alla vostra mamma di incollare, con la pistola a caldo, lo spago sul retro di ogni fantasma.
Aspettate che si asciughi, fate un piccolo cappio e appendeteli vicino alla finestra.

2) Progetto di Beatrice
Le streghe
Su di un foglio di carta bianco disegnate due streghe, una grande ed una piccola.
Colorate con i pennarelli e ritagliate le sagome.
Dite alla vostra mamma d'incollare sul retro della sagoma lo spago.
Fate un piccolo cappio e appendetele vicino alla finestra

3) Progetto di Valeria e Beatrice
Dopo aver scelto assieme le sagome della zucca e dei pipistrelli assieme, salvate l'immagine
Per i pipistrelli stampatele in tre misure differenti, mentre la zucca decidete voi la grandezza

Pipistrelli
Una volta ricavate le sagome , ricalcatele con un colore a pastello bianco su di un foglio di cartoncino nero, ritagliatele ed attaccate sul retro dello scotch di carta per attaccarle al muro senza rovinarlo.
Zucche
Una volta ricavata la sagoma della zucca, ricalcatela su di un foglio arancione con un pennarello nero.
Colorate le parti mostrate sul disegno, tagliate la sagoma, incollate un ciuffo di rafia sulla parte centrale superiore. Attaccate sul retro della zucca lo scotch di carta per attaccarla al muro senza rovinarlo.

Un po' di  rami, qualche pigna, una zucca...ed il gioco è fatto!!!

Alla prossima
Un abbraccio
Valeria&Bea guest star

Laura

martedì 28 ottobre 2014

My Home: autumn mode

Storia di un servizio da te e di caffè 

E poi ci sono i regali della lista nozze...
Avete presente no!?!...Quelli che ti piacciono da morire, quelli che ritieni indispensabili, quelli che non ti puoi permettere, quelli che mai e poi mai userai per paura di romperli e che riporrai nella credenza a morire, fino a dimenticarli completamente.
Passano gli anni, e loro ti seguono nei vari traslochi, fedeli come cagnolini, consapevoli che il loro posto sarà per sempre  in un lato oscuro della credenza.
Poi succede che arriva l'autunno, e tu hai voglia di rinnovare un angolo della tua casa.
Apri la credenza per prendere una cosa x, e loro sono la' che ti fissano speranzose...
pare quasi che ti gridino:
Ehilà!!! Non mi vedi? Non noti i colori della mia mise?
Le guardi, inizialmente non le consideri (il subconscio del "non ti uso perchè non posso" vince sempre). Le riguardi e s'illumina il neurone...
A 44 anni mandi a quel paese il subconscio, la paura di rompere la tazzina e lo tiri fuori..

Sistemi tutto; con grande soddisfazione noti che dopo vent'anni, quel servizio ancora ti piace.
Prendi qua, sposta di là, sistemi le ortensie secche nel vaso, ed ecco che la stanza subito cambia.



Tutti, una volta rientrati si accorgono del cambiamento.
A tutti piace, tu sei appagata, ed il servizio pure.




Oggi la mia credenza è così!
In modalità autunnale.

Alla prossima
Un abbraccio
Laura

sabato 25 ottobre 2014

Diy: un centrotavola autunnale a costo zero

Non si può andare per boschi senza raccogliere quelle piccole meraviglie che la natura ci regala, che in questa stagione sono davvero tante.
Come sempre raccolgo senza rigor di logica.
Poi, una volta tornata a casa realizzo ispirandomi a ciò che i miei occhi hanno fotografato durante la passeggiata.
Questo è il risultato di una camminata sulla Rocca di Monfalcone, che in questo periodo ha un paesaggio da favola, dove tutto si tinge di rosso e d'arancione, dove prevale l'odore del muschio.

Per realizzare questo centrotavola vi serviranno:
- cesto di vimini
-una spugna da fioristi
-pigne
-corteccia
-muschio
-bacche e rosa canina
- foglie di vite americana
-piccole zucche decorative
-colla a caldo





Procedimento
 Sagomate la spugna (la potete acquistare in una fioreria) in base al vostro cesto.
Posizionate sopra la spugna il muschio, in modo tale da ricoprirla completamente.
Inserite lungo il perimetro i rametti di vite americana ed il pezzo di corteccia.
Sistemate a vostro gusto le pigne, le zucche, le varie  bacche ed i rametti di rosa canina, fissandoli con la colla a caldo
Infine aggiungete altri rami dove avete lasciato gli spazi vuoti.
Per dare più durata alla composizione, potete bagnare la spugna prima d'inserirla nel cesto, ricordandovi di foderare il fondo con del naylon.


Se questo fine settimana lo dedicherete a delle passeggiate tra la natura, ricordatevi di portare con voi una piccola borsa ^_^



Buon fine settimana
Laura

venerdì 24 ottobre 2014

Oggi cucino io: Pomodori al gratin

Anche se potrebbe sembrare un piatto estivo, i pomodori al gratin sono una pietanza che possiamo gustare tutto l'anno.
Anche se è tra i miei piatti preferiti, in realtà non lo cucino poi così spesso.
Solo quando aspettavo Beatrice li preparavo un giorno si e l'altro anche...
sapete le classiche voglie..chi non le ha avute....
Sono una portata molto pratica, che si può preparare in anticipo.
Puo'  essere un piatto unico, un antipasto o un contorno.
Si possono accompagnare a carni bianche o a del pesce al cartoccio.
Vi lascio la ricetta, mentre qui ne troverete delle altre.







Alla prossima
Un abbraccio
Laura

mercoledì 22 ottobre 2014

Hand made kids : Fairy

Oggi fiocco rosa, in tutti i sensi, per la nuova nata in casa countrystyle.
La prima fata di una piccola serie che sto realizzando.
Chi mi segue su IG  e sulla mia pagina di facebook aveva già avuto una piccola anteprima...approfitto di questo post per ringraziarvi dei
   tantissimi commenti e like che mi avete lasciato ^_^

Il cartamodello usato per il corpo e per il vestito sono tratti dal mio libro di cucito creativo Fall in love.
Ho modificato alcune caratteristiche, per sperimentare un nuovo modello, mi piace rivoluzionare e creare delle novità, non riesco ad essere troppo seriale.


Così nasce una nuova pettinatura, ripresa dai personaggi dei manga
e nuovo stile per gli occhi, sostituendo i due puntini con due piccole linee.
Le mie figlie continuano a chiedermi perchè non  faccio le bocche...io gli spiego che non mi piacciono, ma pare non se ne facciano una ragione, tanto che ho il terrore che possano farla loro con il pennarello..Una volta terminate devo imbustare tutto subito....

Dolce e romantica, ma allo stesso tempo moderna, grazie ai colori accesi che ho utilizzato
Insomma questa nuova versione mi piace molto.




In cantiere ce ne sono altre, ma come dico sempre, questa è un'altra storia...

Alla prossima
Un abbraccio
Laura

lunedì 20 ottobre 2014

Hand made kids: let's go to pony-party

Buongiorno amiche, come sapete se il mio blog rimane per un po' in silenzio c'è sempre un perchè.
Il motivo che mi ha tenuta lontana è stato l'organizzazione e realizzazione, assieme a mia figlia Giorgia e alla mia amica Veronica, della festa di compleanno di Valeria e di due sue amichette: Martina e Rebecca.
A fine post v'inserisco tutti i link utilizzati.
L'idea di creare il party a tema è partita da Giorgia, con grande entusiasmo da parte delle festeggiate, che hanno scelto come tema il pony.
Giorgia, partendo da questo indizio ha progettato tutta la festa, dando il meglio di se'  per la sua riuscita, con quel tocco innovativo, che solo una mente giovane e vivace è capace di portare.
Ha curato la parte grafica, coreografica e l'animazione.
I colori scelti sono stati il rosa, il bianco ed il marrone, con i quali abbiamo realizzato i ponpon (pensavo fossero più facili da fare), le coccarde, il bunting.




Io mi sono dedicata alla parte culinaria, preparando i cupcake e l' impasto per i biscotti che Giorgia e Veronica hanno  tagliato a forma di cavallo e di stella.
Per la decorazione ho usato la crema al burro che viene impiegata come farcia per i macarons.
La ricetta è la seguente (x 12 cupcake)

-2 uova intere
-100gr di zucchero
- un pizzico di sale
- mezza bustina di vanillina
-125 gr di burro a temperatura ambiente
------------------------------
In una casseruola d'alluminio montate le uova con lo zucchero, aggiungete il sale e la vanillina.
Quando saranno ben montate ponete la casserula a bagnomaria e continuate a montarle per  altri 5 minuti.
Stendete il composto su di una pirofila di vetro, copritelo con il domopack e mettete il tutto in frigo, fino a completo raffreddamento.
Una volta raffreddato, aggiungete il burro a temperatura ambiente e montate il tutto con il mixer.
Potete colorare la crema con i coloranti alimentari.
La crema è pronta per decorare i vostri cupcake
Giorgia ha invece preparato i cake pops, che hanno avuto un gran successo.

La tavola era coloratissima ed ha catturato subito l'attenzione dei piccoli ospiti.
Panini , pizza, cupcake, cake pops, biscotti e tante caramelle...



Ecco come si presentava il tutto... 




Anche la scelta della torta non è stata casuale...
bellissima e buonissima (ho dimenticato di mettere le bandierine...sigh!!!)



Un collage del w.i.p.
tutti al lavoro....

La festa è stata un vero successo
grazie anche tutto il lavoro di Giorgia 



Valeria ed io vi ringraziamo per i tantissimi messaggi d'auguri e per l'affetto che ci avete donato
Siete fantastiche!


LINK

-Parte grafica: bunting, cupcake toppers, fold over food cards, thank you. Our Little Infinite etsy shop
- Carta velina  per realizzare i ponpon Ikea
-Cupcake classici qui
- Cupcake al cioccolato qui


Alla prossima
Un abbraccio
Laura

venerdì 17 ottobre 2014

Friday!

Buongiorno ^-^
Non mi sono dimenticata ne di voi, ne del mio blog!
Pensavo di riuscire ad aggiornarlo più spesso, ma gli impegni di queste due settimane sono stati così tanti che non ce l'ho proprio fatta...


Vi lascio con questa perla trovata su IG



Alla prossima settimana...
STAY TUNED!!!

Laura

martedì 7 ottobre 2014

My home: Kitchen (part 2)

Vi avevo lasciate, circa una settimana fa, con un post dedicato alla mia cucina, al suo arredamento, ai suoi complementi.
Nel frattempo la cucina si è rincasinata (ho una truppa da sfamare); per poterla vedere con parvenza umana devo venire qui  ^_^

I left you all girls a week ago with a post about my kitchen.
In the meanwhile my kitchen went messy because all the people I have to feed ahah so if I want to see it all nice and clean I have to come here ^_^

La volta scorsa, vi avevo accennato al fatto che dopo aver per ben due volte sostituito il cassetto sotto lavello, abbiamo deciso di mettere una tendina.
Naturalmente dal dire al fare è passato all'incirca un anno, fino a che mio marito stufo, me l'ha richiesta..

The last time I anticipated you that, after changing the sink's drawer two times, we decided to use a small curtain.
Obviously before I realized it we had to go through an entire year until my hubbie, who was pretty disappointed, asked me to realize it.

Ma posso dire di no ad un cliente così speciale?
 Anche si, ma il rischio è tale che non mi conviene nemmeno pensarci.
Comunque sia, alla fine l'ho fatta e quanto mi piace...
Piace pure al baffos, che ha i gusti molto difficili.

May I say no to such a special customer?
Well...yes but it's not worth the risk ahah
By the way in the end I realized it and I really really love it!
Even my husband likes it!

L'idea su come disegnarla, mi girava in testa da un po', ma conoscendo il mio impedimento artistico ho dovuto ingegnarmi...
Avete presente quando a scuola vi fanno disegnare una natura morta?
Ecco io ho fatto la stessa cosa
Mi sono messa sul tavolo gli oggetti che mi servivano e li ho ricopiati.

Basically I had the whole idea whirling in my mind (litterally going everywhere ahah) but since I know I'm nt a great artist I had to go trough this
You remember when in art classes they ask you to copy a still life painting?
I've done the same thing:
I displayed all the stuff I needed over the table and I simply copied them.




La tecnica usata per le applicazioni è il classico "punto a schizzo"
o embrodery free machine, eseguito con la macchina da cucire.

The tecnique I used is the well-known "sketched stitc" or embroidery free machine,
made with the sewing machine.



Sapete cosa mi fa impazzire?
Che per una imbranata a disegnare e colorare, naturalmente parlo di me, riesce ad avere grosse soddisfazioni, sostituendo pennelli e colori con stoffe e fili.
Il bello sta proprio nell'abilità di mescolare tessuti, fantasie e nuance a volte un po' azzardate. Disegni semplici, quasi elementari completano questo piccolo quadro.

You know what I like the most?
For someone not good as droawing and painting, talking about myself, fabrics and threads can give really great satisfactions.
The creativity is shown up matching fabrics, patterns and colours sometimes daring a bit.
Simple drawings complete this tiny picture.




Sospiro a vederla così linda e ordinata....
Alla prossima
Un abbraccio
Laura

I hope to see my kitchen as cleen as is shown here.
Se you all,
hugs and kisses
Laura

venerdì 26 settembre 2014

My home: kitchen

Ho sempre desiderato avere una cucina molto grande, con un lavello in pietra sotto la finestra, una cappa in muratura ed un vecchio tavolo al centro.
Un sogno che, credo, non riuscirò mai, almeno in parte, a realizzare.
Quando acquistammo la nostra casa, la zona giorno era formata da tre ambienti a sè stanti: la cucina, la sala da pranzo ed il salotto. Tutti e tre troppo piccoli per le nostre esigenze. Così optammo per la soluzione open space, abbattendo i muri e creando, appunto un ambiente unico.
Siamo rimasti diversi anni con la vecchia cucina, prima d'acquistare quella nuova.
Nel tempo ne abbiamo viste molte, ma mai nessuna rispettava le nostre necessità.
Tutte molto belle, ma carenti a livello di spazio utile e piano di lavoro, indispensabile in una cucina dove un tavolo proprio non ci stava.
Per molto tempo ho navigato in internet alla ricerca d'idee e d'ispirazione, salvando immagini a più non posso.
Ed è stato durante una delle mie incursioni, che mi sono imbattuta nel sito dell'ikea, che 9 anni fa per me era una perfetto sconosciuto, scoprendo che potevo creare la mia cucina.
Ho passato giornate, ma che dico mesi...anzi forse anche un annetto, a pianificare il tutto.
Poi un giorno mio marito mi dice
"Allora l'abbiamo fatta sta cucina?
Vuoi che andiamo a prenderla?"
Non me lo sono fatta ripetere due volte, e 11 luglio del 2007 siamo andati a Padova, al tempo era il negozio Ikea più vicino, a comprarla.
Mai scelta è stata migliore, non troppo per la qualità ( nota dolente, per quanto mi riguarda) ma per la capienza e la distribuzione degli spazi, impensabili sulle cucine viste in precedenza, ad un prezzo insuperabile.
Per le ante abbiamo scelto il modello KROKTORP .
Le maniglie VARDE, il piano di lavoro HAMMARP
Gli elettrodomestici, escluso il piano cottura e la cappa (whirpool x ikea) li abbiamo acquistato in vari negozi online.
Le piastrelle ed i pavimenti sono della ditta Lea Ceramiche



In un secondo momento abbiamo aggiunto  la mensola sopra il piano cottura, puramente decorativa


 ed il mobile di fronte al lavello (che vedete nella prima foto del collage dove abbiamo posizionato il microonde), acquistato dopo la nascita delle piccole, per contenere tutte le loro pappe.
Il mobile lavello inizialmente aveva il cassetto (molto più comodo dell'anta), ma dopo averlo sostituito per ben due volte, per problemi di screpolature sulla parte superiore, abbiamo deciso di appendere una tendina... ma questa è un'altra storia e ve ne parlerò in un altro post


Per quanto riguarda il trattamento del  piano lavoro, che è in legno, passo ogni tot di mesi il
Il procedimento è semplice: intingo il pennello nella cera, e lo applico su tutta la superficie. Una volta asciutta strofino il piano con un panno di lana (uno di questi giorni lo devo assolutamente fare)
Solitamente lo faccio la sera, in modo tale che abbia tutta la notte per asciugare bene.




Anche se il lavello non è in pietra e non ho la cappa in muratura ( per questa mi ero impegnata ad ottenerla, ma forse dovevo insistere di più) amo la mia cucina...
Mi piace abbellirla, personalizzarla e cambiarla in base alle stagioni...
deve parlare di me e rispecchiarmi...
Credo d'esserci riuscita...

Vi auguro un buon fine settimana
Laura