venerdì 24 ottobre 2014

Oggi cucino io: Pomodori al gratin

Anche se potrebbe sembrare un piatto estivo, i pomodori al gratin sono una pietanza che possiamo gustare tutto l'anno.
Anche se è tra i miei piatti preferiti, in realtà non lo cucino poi così spesso.
Solo quando aspettavo Beatrice li preparavo un giorno si e l'altro anche...
sapete le classiche voglie..chi non le ha avute....
Sono una portata molto pratica, che si può preparare in anticipo.
Puo'  essere un piatto unico, un antipasto o un contorno.
Si possono accompagnare a carni bianche o a del pesce al cartoccio.
Vi lascio la ricetta, mentre qui ne troverete delle altre.







Alla prossima
Un abbraccio
Laura

mercoledì 22 ottobre 2014

Hand made kids : Fairy

Oggi fiocco rosa, in tutti i sensi, per la nuova nata in casa countrystyle.
La prima fata di una piccola serie che sto realizzando.
Chi mi segue su IG  e sulla mia pagina di facebook aveva già avuto una piccola anteprima...approfitto di questo post per ringraziarvi dei
   tantissimi commenti e like che mi avete lasciato ^_^

Il cartamodello usato per il corpo e per il vestito sono tratti dal mio libro di cucito creativo Fall in love.
Ho modificato alcune caratteristiche, per sperimentare un nuovo modello, mi piace rivoluzionare e creare delle novità, non riesco ad essere troppo seriale.


Così nasce una nuova pettinatura, ripresa dai personaggi dei manga
e nuovo stile per gli occhi, sostituendo i due puntini con due piccole linee.
Le mie figlie continuano a chiedermi perchè non  faccio le bocche...io gli spiego che non mi piacciono, ma pare non se ne facciano una ragione, tanto che ho il terrore che possano farla loro con il pennarello..Una volta terminate devo imbustare tutto subito....

Dolce e romantica, ma allo stesso tempo moderna, grazie ai colori accesi che ho utilizzato
Insomma questa nuova versione mi piace molto.




In cantiere ce ne sono altre, ma come dico sempre, questa è un'altra storia...

Alla prossima
Un abbraccio
Laura

lunedì 20 ottobre 2014

Hand made kids: let's go to pony-party

Buongiorno amiche, come sapete se il mio blog rimane per un po' in silenzio c'è sempre un perchè.
Il motivo che mi ha tenuta lontana è stato l'organizzazione e realizzazione, assieme a mia figlia Giorgia e alla mia amica Veronica, della festa di compleanno di Valeria e di due sue amichette: Martina e Rebecca.
A fine post v'inserisco tutti i link utilizzati.
L'idea di creare il party a tema è partita da Giorgia, con grande entusiasmo da parte delle festeggiate, che hanno scelto come tema il pony.
Giorgia, partendo da questo indizio ha progettato tutta la festa, dando il meglio di se'  per la sua riuscita, con quel tocco innovativo, che solo una mente giovane e vivace è capace di portare.
Ha curato la parte grafica, coreografica e l'animazione.
I colori scelti sono stati il rosa, il bianco ed il marrone, con i quali abbiamo realizzato i ponpon (pensavo fossero più facili da fare), le coccarde, il bunting.




Io mi sono dedicata alla parte culinaria, preparando i cupcake e l' impasto per i biscotti che Giorgia e Veronica hanno  tagliato a forma di cavallo e di stella.
Per la decorazione ho usato la crema al burro che viene impiegata come farcia per i macarons.
La ricetta è la seguente (x 12 cupcake)

-2 uova intere
-100gr di zucchero
- un pizzico di sale
- mezza bustina di vanillina
-125 gr di burro a temperatura ambiente
------------------------------
In una casseruola d'alluminio montate le uova con lo zucchero, aggiungete il sale e la vanillina.
Quando saranno ben montate ponete la casserula a bagnomaria e continuate a montarle per  altri 5 minuti.
Stendete il composto su di una pirofila di vetro, copritelo con il domopack e mettete il tutto in frigo, fino a completo raffreddamento.
Una volta raffreddato, aggiungete il burro a temperatura ambiente e montate il tutto con il mixer.
Potete colorare la crema con i coloranti alimentari.
La crema è pronta per decorare i vostri cupcake
Giorgia ha invece preparato i cake pops, che hanno avuto un gran successo.

La tavola era coloratissima ed ha catturato subito l'attenzione dei piccoli ospiti.
Panini , pizza, cupcake, cake pops, biscotti e tante caramelle...



Ecco come si presentava il tutto... 




Anche la scelta della torta non è stata casuale...
bellissima e buonissima (ho dimenticato di mettere le bandierine...sigh!!!)



Un collage del w.i.p.
tutti al lavoro....

La festa è stata un vero successo
grazie anche tutto il lavoro di Giorgia 



Valeria ed io vi ringraziamo per i tantissimi messaggi d'auguri e per l'affetto che ci avete donato
Siete fantastiche!


LINK

-Parte grafica: bunting, cupcake toppers, fold over food cards, thank you. Our Little Infinite etsy shop
- Carta velina  per realizzare i ponpon Ikea
-Cupcake classici qui
- Cupcake al cioccolato qui


Alla prossima
Un abbraccio
Laura

venerdì 17 ottobre 2014

Friday!

Buongiorno ^-^
Non mi sono dimenticata ne di voi, ne del mio blog!
Pensavo di riuscire ad aggiornarlo più spesso, ma gli impegni di queste due settimane sono stati così tanti che non ce l'ho proprio fatta...


Vi lascio con questa perla trovata su IG



Alla prossima settimana...
STAY TUNED!!!

Laura

martedì 7 ottobre 2014

My home: Kitchen (part 2)

Vi avevo lasciate, circa una settimana fa, con un post dedicato alla mia cucina, al suo arredamento, ai suoi complementi.
Nel frattempo la cucina si è rincasinata (ho una truppa da sfamare); per poterla vedere con parvenza umana devo venire qui  ^_^

I left you all girls a week ago with a post about my kitchen.
In the meanwhile my kitchen went messy because all the people I have to feed ahah so if I want to see it all nice and clean I have to come here ^_^

La volta scorsa, vi avevo accennato al fatto che dopo aver per ben due volte sostituito il cassetto sotto lavello, abbiamo deciso di mettere una tendina.
Naturalmente dal dire al fare è passato all'incirca un anno, fino a che mio marito stufo, me l'ha richiesta..

The last time I anticipated you that, after changing the sink's drawer two times, we decided to use a small curtain.
Obviously before I realized it we had to go through an entire year until my hubbie, who was pretty disappointed, asked me to realize it.

Ma posso dire di no ad un cliente così speciale?
 Anche si, ma il rischio è tale che non mi conviene nemmeno pensarci.
Comunque sia, alla fine l'ho fatta e quanto mi piace...
Piace pure al baffos, che ha i gusti molto difficili.

May I say no to such a special customer?
Well...yes but it's not worth the risk ahah
By the way in the end I realized it and I really really love it!
Even my husband likes it!

L'idea su come disegnarla, mi girava in testa da un po', ma conoscendo il mio impedimento artistico ho dovuto ingegnarmi...
Avete presente quando a scuola vi fanno disegnare una natura morta?
Ecco io ho fatto la stessa cosa
Mi sono messa sul tavolo gli oggetti che mi servivano e li ho ricopiati.

Basically I had the whole idea whirling in my mind (litterally going everywhere ahah) but since I know I'm nt a great artist I had to go trough this
You remember when in art classes they ask you to copy a still life painting?
I've done the same thing:
I displayed all the stuff I needed over the table and I simply copied them.




La tecnica usata per le applicazioni è il classico "punto a schizzo"
o embrodery free machine, eseguito con la macchina da cucire.

The tecnique I used is the well-known "sketched stitc" or embroidery free machine,
made with the sewing machine.



Sapete cosa mi fa impazzire?
Che per una imbranata a disegnare e colorare, naturalmente parlo di me, riesce ad avere grosse soddisfazioni, sostituendo pennelli e colori con stoffe e fili.
Il bello sta proprio nell'abilità di mescolare tessuti, fantasie e nuance a volte un po' azzardate. Disegni semplici, quasi elementari completano questo piccolo quadro.

You know what I like the most?
For someone not good as droawing and painting, talking about myself, fabrics and threads can give really great satisfactions.
The creativity is shown up matching fabrics, patterns and colours sometimes daring a bit.
Simple drawings complete this tiny picture.




Sospiro a vederla così linda e ordinata....
Alla prossima
Un abbraccio
Laura

I hope to see my kitchen as cleen as is shown here.
Se you all,
hugs and kisses
Laura

venerdì 26 settembre 2014

My home: kitchen

Ho sempre desiderato avere una cucina molto grande, con un lavello in pietra sotto la finestra, una cappa in muratura ed un vecchio tavolo al centro.
Un sogno che, credo, non riuscirò mai, almeno in parte, a realizzare.
Quando acquistammo la nostra casa, la zona giorno era formata da tre ambienti a sè stanti: la cucina, la sala da pranzo ed il salotto. Tutti e tre troppo piccoli per le nostre esigenze. Così optammo per la soluzione open space, abbattendo i muri e creando, appunto un ambiente unico.
Siamo rimasti diversi anni con la vecchia cucina, prima d'acquistare quella nuova.
Nel tempo ne abbiamo viste molte, ma mai nessuna rispettava le nostre necessità.
Tutte molto belle, ma carenti a livello di spazio utile e piano di lavoro, indispensabile in una cucina dove un tavolo proprio non ci stava.
Per molto tempo ho navigato in internet alla ricerca d'idee e d'ispirazione, salvando immagini a più non posso.
Ed è stato durante una delle mie incursioni, che mi sono imbattuta nel sito dell'ikea, che 9 anni fa per me era una perfetto sconosciuto, scoprendo che potevo creare la mia cucina.
Ho passato giornate, ma che dico mesi...anzi forse anche un annetto, a pianificare il tutto.
Poi un giorno mio marito mi dice
"Allora l'abbiamo fatta sta cucina?
Vuoi che andiamo a prenderla?"
Non me lo sono fatta ripetere due volte, e 11 luglio del 2007 siamo andati a Padova, al tempo era il negozio Ikea più vicino, a comprarla.
Mai scelta è stata migliore, non troppo per la qualità ( nota dolente, per quanto mi riguarda) ma per la capienza e la distribuzione degli spazi, impensabili sulle cucine viste in precedenza, ad un prezzo insuperabile.
Per le ante abbiamo scelto il modello KROKTORP .
Le maniglie VARDE, il piano di lavoro HAMMARP
Gli elettrodomestici, escluso il piano cottura e la cappa (whirpool x ikea) li abbiamo acquistato in vari negozi online.
Le piastrelle ed i pavimenti sono della ditta Lea Ceramiche



In un secondo momento abbiamo aggiunto  la mensola sopra il piano cottura, puramente decorativa


 ed il mobile di fronte al lavello (che vedete nella prima foto del collage dove abbiamo posizionato il microonde), acquistato dopo la nascita delle piccole, per contenere tutte le loro pappe.
Il mobile lavello inizialmente aveva il cassetto (molto più comodo dell'anta), ma dopo averlo sostituito per ben due volte, per problemi di screpolature sulla parte superiore, abbiamo deciso di appendere una tendina... ma questa è un'altra storia e ve ne parlerò in un altro post


Per quanto riguarda il trattamento del  piano lavoro, che è in legno, passo ogni tot di mesi il
Il procedimento è semplice: intingo il pennello nella cera, e lo applico su tutta la superficie. Una volta asciutta strofino il piano con un panno di lana (uno di questi giorni lo devo assolutamente fare)
Solitamente lo faccio la sera, in modo tale che abbia tutta la notte per asciugare bene.




Anche se il lavello non è in pietra e non ho la cappa in muratura ( per questa mi ero impegnata ad ottenerla, ma forse dovevo insistere di più) amo la mia cucina...
Mi piace abbellirla, personalizzarla e cambiarla in base alle stagioni...
deve parlare di me e rispecchiarmi...
Credo d'esserci riuscita...

Vi auguro un buon fine settimana
Laura

giovedì 25 settembre 2014

Hand made kids : borsa porta necessere

Tempo fa avevo realizzato questa borsa per una giovane e grintosa mamma
Una tracolla in jeans porta necessere per la sua bimba.

Mi piaceva l'idea del jeans  perchè una volta smessa la funzione di porta pannolini e cambio, sarebbe stata perfetta da indossare anche quotidianamente.



La forma mi ricorda molto le tracolle militari. Quelle che usavamo per andare a scuola, nei mitici anni '80, con la scritta AC DC fatta col pennarello nero indelebile... chi non se le ricorda...



L'applicazione del cuore, le rose e citrulli la rendono particolare.


Quanto mi piacciono le borse...una passione che ho da sempre..se potessi e ne avessi il tempo me ne farei una per ogni settimana, magari abbinata a collana e bracciale...non sono normale ehhhh....!!!!
^ _^
Alla prossima
Happy creativity
Laura

mercoledì 24 settembre 2014

Perchè Chioggia è così....

Perchè Chioggia è così ... suggestiva e irreale, un dipinto vivace e allegro.
Calli e canali, giochi di luce e di riflessi, balconi fioriti e panni stesi al sole, barche e pescherecci , gabbiani e colombi, chiese e campanili, raccontano questo paese di mare.

Sono il vociare dei pescatori, i motori delle barche che di buon mattino sento dal mio letto.
Ritorno ad un passato, quando abitavo in questa riva, in questa casa, che dalla mansarda ha una vista spettacolare ( se il cielo è sereno e la bora ha portato via la foschia, si riesce a vedere il campanile di San Marco). Non so se mi manca, so solo che ogni volta che ci torno non mi pare mai d'essermene andata.


Sembrerebbe che il tempo volga al bello, ma l'illusione ben presto svanisce. Nulla ci vieta, però di passeggiare lungo la spiaggia di Sottomarina.



Anche se è un lunedì di fine agosto, la spiaggia è quasi deserta. I pochi turisti temerari, avvolti negli asciugamani, giocano a carte, leggono o semplicemente ammirano il mare.

L'acqua del mare è calda, piccole onde s'infrangono nella battigia. Cerchiamo e raccogliamo conchiglie, anche se noto che sono diventata merce rara anche da queste parti.


Ci dirigiamo alla diga, meta alla quale non si può rinunciare.
 Percorrendola ammiriamo i "casoni", vecchie abitazioni di pescatori, ora ristrutturate e diventate  case private o ristoranti
Li guardo e penso a quanto mi piacerebbe viverci.
Un sogno che coltivo da sempre e che purtroppo non potrò mai realizzare.




Torniamo a casa, una spesa veloce d un pranzo fugace.
Tutti sono stanchi e si riposano. Esco per fare un giro e scattare un pò di foto.
Ma non riesco....trovo una vecchia compagna di scuola che vive in Germania. E' da un pò che non ci vediamo. Ci sediamo al bar e parliamo, parliamo e parliamo, raccontandoci gli ultimi 10 anni della nostra vita.


Le bimbe non hanno ancora visto il centro storico.
Dopo cena si esce e si passeggia lungo la piazza e la riva
Chioggia di notte diventa magica
Le bimbe sono entusiaste e curiose, mentre io respiro ed assaporo ogni attimo.
 I miei sensi si risvegliano, riconosco ogni cosa, ogni odore, ogni suono.



Perchè Chioggia è così...o l'ami o la odi... e se te ne innamori non lascerà mai il tuo cuore.


Un abbraccio
Laura

lunedì 22 settembre 2014

Hand made kids: burberry marsutai

Io l'ho usato moltissimo e negli anni ne ho cuciti tantissimi..
Sto parlando dei mitici marsutai completamente hand made ed esclusivi che negli anni ho avuto il piacere e l'onore di realizzare.
Il marsutai è un ibrido tra il mei tai e il marsutai ( ve ne parlo qui), con il vantaggio che, essendo fatto a mano, può essere personalizzato in base ai gusti della futura mamma che lo userà e indosserà.
Infatti proprio il fatto che il marsutai viene indossato, l'ho pensato come un "accessorio", abbinabile ad un outfit sportivo.
Il pannello centrale è sempre e solo in jeans, scelta decisa sia per la sua robustezza che per la sua versatilità.
Le fasce, invece, sono di cotone molto resistente color naturale.

Oggi vi presento quest'ultimo che ho preparato per una neo mamma, molti altri li potete vedere qui


Un modello molto classico e sobrio, che mi piace.



Per avere tutte le info sul prodotto potete scrivermi privatamente, se invece, lo volete realizzare da sole, potete trovare la dispensa sul mio negozio etsy Lauracountrystyle

Un abbraccio
Laura

venerdì 19 settembre 2014

My home: la natura diventa arte

Come dice Susanna Tamaro
"Per mettersi in viaggio c'è bisogno della nostalgia di qualcosa"

Il mio non è stato un viaggio vero e proprio verso paesi lontani, ma è stata più un'esigenza che mi ha spinta a creare un angolo della casa che mi strappasse dalla profonda nostalgia, per la mia isola, che mi stava opprimendo.
In uno dei tanti pomeriggi piovosi, di questa pazza estate, mi sono dilettata in una piccola costruzione dal sapore marino, con pezzi di legno raccolti nella spiaggia.
Già avete avuto modo di vederne altri  nei post passati (ne parlo qui ), ma nessuno di quei pezzi è stato portato nella mia casa, con la promessa di realizzarne alcuni per qua.


Il camino mi è sembrato il posto più indicato dove poter fare qualche cambiamento, ed essendo di fronte al divano ce l'ho a portata d' "occhio".



Non solo la classica struttura composta dall'immancabile barca e dal faro, ma anche una piccola scultura, dove l'intagliatore è niente meno che Madre Natura.
L'ha trovata Giorgia, quasi per caso.
L'ha raccolto e subito ha visto, in questo tronco, la vera bellezza
Basta dargli un occhiata veloce per scorgere il mezzo busto di una donna.
Non so se la foto riesca a renderne giustizia, in tal caso chiedo venia.
L'abbiamo lasciato così come l'abbiamo trovato, pulendolo solo dalla rossa terra, che per chissà quanto tempo l'ha ricoperto







Tavole e piccoli ceppi di legno levigati dal tempo e dalle intemperie, hanno raggiunto la loro perfezione, rivelando venature e nodi.


La natura ci regala sempre piccoli tesori
Basta guardarsi intorno per scovarli.
Scoprendo le loro sorprendenti particolarità si possono utilizzare per piccole opere.


Vi auguro un felice fine settimana
Laura