domenica 27 maggio 2018

Oggi cucino io: crostata senza burro alla marmellata



 

Ricetta

Crostata alla marmellata

Ingredienti:
150 gr di farina
1 uovo grande
50 gr di olio
1 cucchiaino di lievito
50 gr di zucchero di canna
1 pizzico di sale
buccia di limone grattugiata
marmellata preferita

Procedimento
Mescolare la farina, il lievito, lo zucchero ed il sale, aggiungere l'uovo, l'olio e la buccia di limone.
Ottenuto l'impasto, dividetelo in due parti.
Stendete la frolla e mettetela nella teglia coperta dalla carta forno.
Bucherellate il fondo.
Spalmate sulla superficie la marmellata
Chiudete l'impasto  con la restante frolla tagliata a strisce.
Infornate a 180 gradi, (statico) per 40 minuti

Buona  domenica

Laura


sabato 26 maggio 2018

Diy :Greating cards handmade { drawing }


Ultimamente, tempo permettendo, mi sto dedicando al disegno (basico). Grazie ad un'artista che adoro, quello che una volta pensavo fosse impossibile non lo è più.


Seguire i suoi tutorial oltre ad essere istruttivo è estremamente rilassante, per la musica, la sua voce e l'ambientazione!

Seguendo uno dei suoi diy ho disegnato questa greating card che ho allegato ad il regalo (anche quello rigorosamente handmade, ve ne parlo qui )


Greeting card tutorial

Materiale

Foglio da disegno ruvido
matita e gomma
Penna Stabilo fine 0,4 point 88 nera
Pennarello Lyra acqua brush duo rosa
Inchiostro per timbri marrone
Filo marrone e macchina da cucire

Procedimento

Con un foglio si possono realizzare 4 biglietti
Dividete il foglio a metà e poi in 4 parti e tagliatelo con un taglia carta
Tagliate a mano, grossolanamente, i margini del foglio.
Inserite alla macchina da cucire il filo marrone e cucite con il punto dritto, piu' volte lungo il margine.
Sporcate leggermente i margini con l'inchiostro e lasciate asciugare.
Infine disegnate quello che avete deciso e scrivete la vostra frase.
Se avete problemi con la scrittura a mano cliccate questo link dove troverete tutte le dritte per una calligrafia perfetta !



Enjoy your sewing days

Laura

venerdì 25 maggio 2018

A special gift


Se i sogni son desideri sono stata una brava Fata Madrina....



...realizzando la dolcissima ochetta per la mia amica, che tanto voleva!


Non vi dico la gioia nei suoi occhi quando ha aperto il pacco, e la mia nel vedere la sua espressione!




In quell'istante capisci quanto sia bello regalare un qualcosa che hai realizzato con le tue mani!






"L’unico modo per fare un buon lavoro è amare quel che fai. Se non hai ancora trovato ciò che fa per te, continua a cercare. Non accontentarti. Come per tutte le questioni di cuore,saprai di averlo trovato quando ce l’avrai davanti". (Steve Jobs)




Enjoy your creativity day
Laura

venerdì 18 maggio 2018

Diy: Re-fashion, un'idea per dare nuova vita ad un paio di jeans


Non se ne voleva proprio fare una ragione, quelli erano i suoi jeans preferiti.
"Mamma per favore me li puoi fare corti..ma belli e di moda"
E così sono nati loro...
Un lavoretto che veramente porta via un'oretta e non di più!





Tempo un'ora
Difficoltà easy *

Materiale:
Un paio di jeans vecchi
Pizzo
Tessuto fantasia o floreale (applicazione)
Carta termo adesiva




Procedimento
Dopo aver deciso la misura taglia il jeans, facendo attenzione che le due parti siano uguali.
Se hai la macchina da cucire, fai l'orlo a macchina, altrimenti, con un po' di pazienza lo puoi fare anche a mano.
Una volta realizzato il risvolto, cuci il pizzo.




La mia chichetta ha voluto che le applicassi anche un cuore ed un fiocchetto giallo(il suo colore preferito)
Per l'applicazione, appunto, scegli il colore o la fantasia del tessuto, stira la carta termo adesiva sul rovescio, disegna la sagoma (ti consiglio qualcosa di semplice) taglia, stira la sagoma sul tessuto e cuci. Se nel caso ti trovi ad essere sprovvista della carta, puoi fare un punto fisso lungo tutto il perimetro del disegno.




Ecco il risultato!
Jeans recuperato = Chichetta felice!
Per la cronaca...
siccome è cresciuta parecchio abbiamo un sacco di jeans che aspettano d'essere rinnovati!




Enjoy your sewing days
Laura

lunedì 14 maggio 2018

Collane di tessuto in Shabby style


Buongiorno ragazze e buon inizio di settimana:
 che da noi sarà, a dir poco, movimentata in previsione
della Prima Comunione di Beatrice.
Abbiamo deciso di festeggiarla a casa e stiamo lavorando come pazzi per sistemare il piccolo patio, preparando le decorazioni (tutto a tema come la signorina ha voluto), decidendo il menu' ecc ecc ecc...
Ma non vi tedio oltre, tanto poi scriverò dei post proprio su questo tema, ossia come organizzare una Comunione (ma potrebbe tranquillamente essere un Battesimo o una Cresima) in casa.

Passiamo oltre e vorrei farvi vedere una delle ultime collane nate, con dei tessuti che io adoro per la loro raffinatezza!





Sono ormai 8 anni che realizzo queste collane e non mi stancano mai per la loro infinita varietà
e a quanto pare anche a voi piacciono tantissimo!




Ogni volta che ne indosso una mi fermano per guardarla e mi chiedono sempre dove poterla acquistare!
E' INCREDIBILE COME ARRICCHISCANO UN CAPO SEMPLICE!
Sono fantastiche sopra un abitino di lino dalle linee dritte
ad una t-shirt basic
ad una gonna lunga in lino in boho style
Le combinazioni, appunto sono tantissime, sta a voi poi decidere lo stile e sopra quali abiti usarle.
Le realizzo sempre SU COMMISSIONE, difficilmente ne ho di pronte 
Se invece volete realizzarle da voi il cartamodello lo potete trovare nel mio etsy shop












Alla prossima
Enjoy your creative days
Laura

venerdì 11 maggio 2018

Diy: tags di stoffa


Dillo con una rosa




Ho un debole per le tags, soprattutto per quelle fatte in tessuto.
Già in passato avevo condiviso un post per realizzarne con i tessuti di reciclo, ve ne parlo qui.
Questa, invece, l'ho pensata più semplice che ricorda lo stile shabby chic


Materiale
  • Tessuto di lino, o tessuto grezzo (tag)
  • Tessuto di lino color panna (rosa)
  • 1 perla
  • 1 filo di lana bianca
  • 1 pezzo di pizzo
  • Occhiellatrice e occhielli color bronzo


Procedimento
Disegnate la sagoma della tag sul tessuto, piegato a metà, con la parte dritta rivolta verso l'interno. Cucito lungo tutto il perimetro e ritagliate. Praticate un taglio al centro (v. modello) e rigirate. Tirate fuori bene tutti gli angoli e stirate. Con l'occhiellatrice fate un foro , fissate l'occhiello (seguite le indicazioni della vostra occhiellatrice) ed infine aggiungete il filo di lana. Incollate il pizzo proprio sopra il taglio (un bel modo per nasconderlo!), realizzate una piccola rosa ed incollateci al centro una perla. Incollate la rosa, centrandola, sopra il pizzo. La vostra tag è pronta.
Se nel caso non foste abili a cucire, potete sostituire il tessuto con del feltro di lana color naturale.
Tutorial video della rosa qui



Spero che anche questo tutorial vi sia piaciuto!
Enjoy your creative days
Laura

mercoledì 9 maggio 2018

Hand made kids :Giulietta

Buongiorno ragazze!
Oggi un post veloce per mostrarvi un lavoro che avevo realizzato alcuni anni fa per il compleanno di una bimbetta.


Avevo creato appositamente per lei  questa dolcissima cagnolina che le è piaciuta tantissimo!



Ho utilizzato dei tessuti sulle tonalità del grigio ed ho aggiunto dei tocchi di rosa nei particolari




Se siete interessate al pattern cliccate nel mio etsy shop qui
Come sempre la spedizione avviene via e mail tramite file in formato Pdf
La dispensa comprende
ABC del cucito creativo
lista dei materiali 
step dei vari passaggi
cartamodello in scala 1:1 pronto per la spedizione




Alla prossima

Enjoy your creativity day
Laura

giovedì 3 maggio 2018

Leggendo: Il piccolo principe

Puro amore e tenerezza.
Mi emoziono ogni volta che ne realizzo una, questa in particolare perché l'ho creata per la più cara delle amiche:mia sorella.
Non avrei potuto esprimere la mia amicizia indissolubile per lei in nessun altro modo. Se nel post vedi solo un pupazzo a forma di volpe, ti sbagli, basta leggere quello che lei dice per capire a fondo molte cose sull'amore e sull'amicizia.


In quel momento apparve la volpe.
"Buon giorno", disse la volpe.
"Buon giorno", rispose gentilmente il piccolo principe, voltandosi: ma non vide nessuno.
"Sono qui", disse la voce, "sotto al melo..."
"Chi sei?" Domandò il piccolo principe, "sei molto carino..."
"Sono una volpe", disse la volpe.
"Vieni a giocare con me", le propose il piccolo principe, sono così triste... "
" Non posso giocare con te ", disse la volpe," non sono addomesticata ".
" Ah! Scusa ", fece il piccolo principe.
Ma dopo un momento di riflessione soggiunse:
" Che cosa vuol dire "addomesticare"? "
" Non sei di queste parti, tu ", disse la volpe," che cosa cerchi? "
" Cerco gli uomini ", disse il piccolo principe.
" Che cosa vuol dire "addomesticare"? "
" Gli uomini "disse la volpe," hanno dei fucili e cacciano. È molto noioso! Allevano anche delle galline. È il loro solo interesse. Tu cerchi delle galline? "
" No ", disse il piccolo principe." Cerco degli amici. Che cosa vuol dire "addomesticare?"
"È una cosa da molto dimenticata. Vuol dire creare dei legami...
" Creare dei legami? "
" Certo ", disse la volpe." Tu, fino ad ora, per me, non sei che un ragazzino 
uguale a centomila ragazzini
 
da PensieriParole <https://www.pensieriparole.it/racconti/narrativo/racconto-5311-1>
. E non ho bisogno di te. E neppure tu hai bisogno di me. Io non sono per te che una volpe uguale a centomila volpi. Ma se tu mi addomestichi, noi avremo bisogno l'uno dell'altro. Tu sarai per me unico al mondo, e io sarò per te unica al mondo ".
" Comincio a capire "disse il piccolo principe." C'è un fiore... credo che mi abbia addomesticato... "
" è possibile ", disse la volpe." Capita di tutto sulla Terra... "
" Oh! Non è sulla Terra ", disse il piccolo principe.
La volpe sembrò perplessa:
" Su un altro pianeta? " "Si".
"Ci sono dei cacciatori su questo pianeta?" "No".
"Questo mi interessa. E delle galline?"
"No".
"Non c'è niente di perfetto", sospirò la volpe. Ma la volpe ritornò alla sua idea:
"La mia vita è monotona. Io do la caccia alle galline, e gli uomini danno la caccia a me. Tutte le galline si assomigliano, e tutti gli uomini si assomigliano. E io mi annoio perciò. Ma se tu mi addomestichi, la mia vita sarà illuminata. Conoscerò un rumore di passi che sarà diverso da tutti gli altri. Gli altri passi mi fanno nascondere sotto terra.
 Il tuo, mi farà uscire dalla tana, come una musica. E poi, guarda! Vedi, laggiù in fondo, dei campi di grano? Io non mangio il pane e il grano, per me è inutile. I campi di grano non mi ricordano nulla. E questo è triste! Ma tu hai dei capelli color dell'oro. Allora sarà meraviglioso quando mi avrai addomesticato. Il grano, che è dorato, mi farà pensare a te. E amerò il rumore del vento nel grano..."
La volpe tacque e guardò a lungo il piccolo principe:
"Per favore... addomesticami", disse.
"Volentieri", disse il piccolo principe, "ma non ho molto tempo, però. Ho da scoprire degli amici, e da conoscere molte cose".
"Non ci conoscono che le cose che si addomesticano", disse la volpe. "Gli uomini non hanno più tempo per conoscere nulla. Comprano dai mercanti le cose già fatte. Ma siccome non esistono mercanti di amici, gli uomini non hanno più amici. Se tu vuoi un amico addomesticami!"
"Che cosa bisogna fare?" Domandò il piccolo principe.
"Bisogna essere molto pazienti", rispose la volpe. "In principio tu ti sederai un po' lontano da me, così, nell'erba. Io ti guarderò con la coda dell'occhio e tu non dirai nulla. Le parole sono una fonte




...far del male, ma tu hai voluto che ti addomesticassi..."
"è vero", disse la volpe.
"Ma piangerai!" Disse il piccolo principe.
"È certo", disse la volpe.
"Ma allora che ci guadagni?"
"Ci guadagno", disse la volpe, "il colore del grano".
Poi soggiunse: "Và a rivedere le rose. Capirai che la tua è unica al mondo. Quando ritornerai a dirmi addio, ti regalerò un segreto".
Il piccolo principe se ne andò a rivedere le rose.
"Voi non siete per niente simili alla mia rosa, voi non siete ancora niente", disse. "Nessuno vi ha addomesticato, e voi non avete addomesticato nessuno. Voi siete come era la mia volpe. Non era che una volpe uguale a centomila altre. Ma ne ho fatto il mio amico ed ora è per me unica al mondo".
E le rose erano a disagio.
"Voi siete belle, ma siete vuote", disse ancora. "Non si può morire per voi. Certamente, un qualsiasi passante crederebbe che la mia rosa vi rassomigli, ma lei, lei sola, è più importante di tutte voi, perché è lei che ho innaffiata. Perché è lei che ho messa sotto la campana di vetro. Perché è lei che ho riparata col paravento. Perché su di lei ho ...





...uccisi i bruchi (salvo i due o tre per le farfalle). Perché è lei che ho ascoltato lamentarsi o vantarsi, o anche qualche volta tacere. Perché è la mia rosa".
E ritornò dalla volpe.
"Addio", disse.
"Addio", disse la volpe. "Ecco il mio segreto. È molto semplice: non si vede bene che col cuore. L'essenziale è invisibile agli occhi".
"L'essenziale è invisibile agli occhi", ripetè il piccolo principe, per ricordarselo.
"È il tempo che tu hai perduto per la tua rosa che ha fatto la tua rosa così importante".
"È il tempo che ho perduto per la mia rosa..." sussurrò il piccolo principe per ricordarselo.
"Gli uomini hanno dimenticato questa verità. Ma tu non la devi dimenticare. Tu diventi responsabile per sempre di quello che hai addomesticato. Tu sei responsabile della tua rosa..."
"Io sono responsabile della mia rosa..." ripetè il piccolo principe per ricordarselo.
Antoine de Saint-Exupèry






mercoledì 2 maggio 2018

Diy: tovagliette all'americana



Questo progetto è il connubio di due miei grandi passioni: le tovaglie all'americana e le lavagne . 




Nasce così il progetto che ho realizzato tempo fa per la rivista Impronte creative, che ricondivido anche qui.
A mio modesto parere è uno dei progetti base di cucito creativo quindi perfetto per chi sta iniziando ad avvicinarsi a questo meraviglioso hobby.
Una simpatica idea regalo per l'imminente festa della mamma, o per un'amica, per il compagno o per tutta la famiglia
Potrete realizzare dei set utilizzando anche altre frasi ed arricchendola con dei disegni eseguiti a mano libera o con lo  stencil.
Ho inserito alcune frasi e se nessuna fa al vostro caso ne potrete trovare infinite sul web.

“I LOVE CAKE!
AND CAKES
LOVE ME
RIGHT BACK”


HAPPINESS IS
A CUP
OF TEA

EVERY
LITTLE THING
IS GONNA BE
ALRIGHT

PACE BEGINS
WITH A
SMILE

Difficoltà: principianti
Tempo: 1 ora

Materiale
Per realizzare questa tovaglia dovete procurarvi:
  • Tela di lino o di cotone nero (davanti)
  • Tela di cotone bianca o fantasia (retro)
  • Stencil
  • Colore acrilico o per tessuti bianco
  • Pennello vecchio
  • Filo da cucito bianco e macchina da cucire basic
  • Scotch di carta


Procedimento

Dai tessuti nero e bianco ritagliate due rettangolo che misurano 28x43cm.
Attaccate con lo scotch di carta il tessuto nero al tavolo, avendo cura di tenerlo ben teso.
Prendete le misure delle lettere che compongono la frase e fate delle righe con lo scotch di carta, cercando di essere il più precise possibile.
Le righe vi serviranno per andare dritte nel momento in cui scriverete la frase.
Intingete il pennello asciutto nel colore, scaricate quello in eccesso, e scrivete la frase che avete deciso. Aspettate che si asciughi e disegnate a mano libera o con gli stencil delle figure inerenti alla frase.
Una volta che il colore si è asciugato mettete le due stoffe una sopra l'altra con la parte dritta rivolata verso l'interno.
Cucite lungo tutto il perimetro lasciando aperta una piccola parte per poter rigirare.
Rigirate e stirate bene. Ribattete a macchina il bordo con un punto dritto ma irregolare, potete passarlo più di una volta (vedi foto) ribattete ancora una volta con una cucitura arcuata e irregolare. 


La vostra tovaglia è pronta. Naturalmente, se preferite potete usare altri tessuti, ed una volta che avete imparato potrete sbizzarrirvi! Se la regalate inserite una tag fatta a mano (QUI)
Potete abbinarla anche a delle presine il tutorial per realizzarle lo trovate QUI


 Enjoy your creativity day

Laura

martedì 1 maggio 2018

Oggi cucino io: torta salata di zucchine


Siete state invitate ad una scampagnata tra amici?
Ha smesso di piovere e avete deciso di non rinunciare ad un picnic sul prato?
All'ultimo avete deciso di fare il pranzo in spiaggia?
La soluzione...
un piatto veloce e super squisito che si prepara in 45 minuti

Torta salata alle zucchine

Ingredienti
300 gr di ricotta fresca
1 uovo
400 gr di zucchine
30 gr di grana
3 fette di prosciutto (a piacere)
pasta sfoglia tonda già pronta

Preparazione
Lava e taglia a rondelle sottili le zucchine e falle soffriggere leggermente su di una padella antiaderente con un filo d'olio (5 minuti), aggiungi il sale e d il pepe.
Nel frattempo accendi il forno a 200*
Metti in una ciotola la ricotta, il grana e l'uovo, mescola, aggiungi le zucchine., e aggiusta di sale.
Stendi la pasta sulla tortiera per crostata (se acquisti quelle pronte le trovi già tonde e con la carta forno)  posiziona le fette di prosciutto e metti il composto di ricotta e zucchina.
Metti in forno per 35 minuti (controlla però la cottura ) e servila tiepida.
Variante
Se siete intolleranti alle uova, potete ometterle
Potete sostituire il prosciutto con il tonno (quest'ultimo va mescolato al composto).

Buon 1 Maggio



Enjoy

Laura